Kamala Harris, prima donna vicepresidente degli Stati Uniti d’America

Kamala Harris, eletta vicepresidente degli Stati Uniti d’America.

Ė un momento storico per tutte le donne: Kamala Harris è la prima donna vicepresidente degli Stati Uniti d’America.

Nel suo primo discorso alla nazione Kamala Harris, vestita di bianco per rendere un tributo alla lotta per la partecipazione politica femminile, ha ringraziato sua madre, fulgido esempio di donna che ha sempre creduto nella parità di genere, e tutte le donne che hanno lottato e hanno permesso questo momento (I am thinking about her and about the generations of women, Black women, Asian, white, Latina, native American women, who throughout our nation’s history, have paved the way for this moment tonight. Women who fought and sacrificed so much for equality and liberty and justice for allPenso a lei (la madre) e a tutte le generazioni di donne, donne nere, asiatiche, bianche, latine e native americane, che hanno attraverso le epoche storiche della nostra nazione, spianato la strada per questo momento. Donne che hanno combattuto e sacrificato molto per l’uguaglianza, la libertà e la giustizia di tutti).

Tra tutte le donne richiamate da Kamala Harris sicuramente possiamo annoverare le donne che hanno fondato il primo Zonta club a Buffalo (USA) nel 1919, grazie ad una iniziativa pionieristica, così come tutte le Socie che nei 100 anni di attività hanno lavorato per elevare la figura della donna dal punto di vista giuridico, politico, economico e professionale. 

“Sono la prima a ricoprire questa carica, ma non sarò l’ultima – ha continuato Kamala Harris nel suo discorso dopo la vittoria, tra applausi scroscianti -. Ogni bambina, ragazza che stasera ci guarda vede che questo è un paese pieno di possibilità. Il nostro paese vi manda un messaggio: sognate con grande ambizione, guidate con cognizione, guardatevi in un modo in cui gli altri potrebbero non vedervi”. 

Lo Zonta Club di Aosta si associa a questo forte messaggio di speranza, perché l’esempio di Kamala Harris sia un faro per le nuove generazioni di tutto il mondo.  

Torna su